Per un pozzo d'acqua in Africa                                                                                                                                      

EDUCARE ALL'ACQUA 

 

 

IL CICLO DELL'ACQUA
DI GIANPIERO VICINI




Aman, Iman
L'Acqua, La Vita
(Proverbio Tuareg)


Laudato si', mi Signore per sor'acqua
la quale è molto utile et umile 
et preziosa et casta.

(Francesco d'Assisi - Laudes creaturarum, 1224)

Il poverello d'Assisi ben sapeva quanto fosse utile l'acqua, per gli uomini, per gli animali, per le piante.

E umile, senza pretese, ma preziosa proprio perché molto utile, quindi da non sprecare (come purtroppo i "ricchi" fanno), e casta, pura, quindi da non inquinare (come purtroppo ... etc., etc.)

E s'intuisce, è chiaro, la verità che esprime, il significato del proverbio Tuareg.
Ma proviamo a dimostrarlo.




DISTRIBUZIONE DELLE RISORSE IDRICHE NEL MONDO

Brasile 17%
Russia 11%
Canada 7%
Cina 7%
Indonesia 6%
Bangladesh 6%
U.S.A. 6%
India 5%
Europa - Altri* 37%

* compresa l'Africa
L'Africa è a gravissimo rischio per la scarsità dell'acqua disponibile per ogni individuo: solo 5 litri al giorno contro i 425 di un abitante degli Stati Uniti.





I mari, i laghi, i fiumi costituiscono le acque superficiali; l'uomo che cerca l'acqua fresca e pulita preferisce la SORGENTE e, inizialmente, è l'uomo che va all'acqua.
Poi pensa di raccoglierla e costruisce una vasca, o realizza uno sbarramento (come i castori, sì i castori ci sanno fare!) e con una tubazione porta l'acqua, fresca e pulita, a valle, dove è la sua casa

L'acqua produce forza motrice, aziona le ruote dei mulini e le turbine accoppiate ai generatori d'energia elettrica.

Una gran parte delle acque superficiali sono destinate all'irrigazione dei campi, per incrementare la produzione dei prodotti agricoli.
Una parte ancora considerevole (otre 1/5 di tutte le acque raccolte in laghi, bacini o serbatoi è destinata all'uso civile, domestico.
Per intenderci, quella che preleviamo dai rubinetti dei servizi (bagni, cucine) di casa nostra e che poi scarichiamo nelle fognature e vengono trasferite agli impianti di depurazione per essere riutilizzate 

Gianpiero Vicini, nato ad Albavilla (Co) nel luglio del 1930. Laurea in ingegneria industriale (elettrotecnica). Esperienze di lavoro: direzione di cantieri (indagini geognostiche - idrogeologia - geotecnica) per impianti idroelettrici. Direzione tecnica dell'impresa, progettazione, calcolo di strutture in c.a. e ferro, direzione dei lavori di acquedotti, impianti di depurazione (acque/fiumi), fondazioni speciali (acciaierie), parcheggi sotterranei, edifici civili e industriali. Incarichi assunti. Collegio degli ingegneri di Como: per alcuni bienni a partire dal 1966 consigliere e presidente; Consiglio di amministrazione Ospedale di Circolo Cantù- dal 1976 USSL 12 Cantù; 1977 - Camera di Commercio di Como (comm. Prezzi mat. Edili); Consiglio Provinciale Sanità di Como (esperto ecologia); 1982 Presidente Azienda Canturina Servizi Municipali; 1984/85 Consiglio Comunale di Cantù (consigliere); 1986 Azienda Canterina servizi Municipali (commissione); 1987 ANCE comitato permanente "Fondazioni, indagini e lavori speciali nel sottosuolo); 1992/93 Presidente Collegio degli ingegneri di Como;
Collegio delle imprese edili ed affini della Provincia di Como (commissione tecnologica); 1994/2003 Comune di Cernobbio - Assessore ai lavori pubblici (manutenzioni), Ecologia-Ambiente, Protezione Civile.


Associazione Manuel Rumi Onlus

Via Cadorna 24 22030 Lipomo (Como)
Tel e Fax 031555472
info@manuelrumi.org